14 maggio 2016

Osho Nascita e morte: due estremi dello stesso fenomeno



14 MAGGIO 2016
 
È sorprendente che l’uomo accetti la nascita ma non la morte, laddove nascita e morte sono due estremi dello stesso fenomeno.

La morte è nascosta all’interno della nascita; infatti, la nascita non è forse altro se non l’inizio della morte? Dal momento in cui si nasce in poi, opporre resistenza alla morte comporta paura, e per paura si scappa lontano. La mente timorosa e in fuga diventa incapace di comprendere la morte. D’altra parte, per quanto veloce tu possa correre, è impossibile fuggire via dalla morte; anzi, dopo aver corso in ogni direzione, alla fine si scopre che si è raggiunta unicamente la morte.

Si narra un’antica storia...

Vishnu andò sul monte Kailash per incontrare Shiva. Fu trasportato in volo fin lassù da Garuda, il re degli esseri alati. Dopo che Vishnu smontò, Garuda lo aspettò al cancello; e, mentre era lì, i suoi occhi videro una colomba tremante di paura, seduta in cima al portone. Le chiese cosa temesse, la colomba iniziò a piangere e disse: “Proprio di recente, il Dio della morte è entrato in questo palazzo. Vedendomi, per un attimo ha esitato, osservandomi con stupore, poi, con un sorriso, ha proseguito accompagnato dai suoi accoliti. Il suo sorriso misterioso non è altro che un segno certo della mia morte. La mia morte è ormai vicina”. E la colomba iniziò a singhiozzare ancora più forte.

Garuda replicò: “Suvvia! Suvvia! La tua paura è inutile. Sei ancora giovane, ragion per cui non è possibile che tu muoia di qualche malattia. E per ciò che riguarda il timore di qualche nemico, vieni e siediti in groppa a me. In un attimo ti posso portare sulla collina di Lokakol, lontana milioni e milioni di chilometri da qui; là non c’è modo che uno solo dei tuoi nemici possa raggiungerti”.

Sentendo questa soluzione, la colomba si sentì meglio e, in un baleno, Garuda la trasportò su una collina solitaria, lontano da qualsiasi nemico.

Non appena Garuda ritornò, incontrò il signore della morte che stava uscendo dal portone. Garuda gli sorrise e disse: “Maestà, quella colomba non è più qui. Sta vivendo senza paura sulla collina di Lokakol, che si trova a milioni di chilometri da qui, sono appena tornato dopo averla depositata lassù”.

Sentendo queste parole, il signore della morte rise fragorosamente e disse: “Dunque sei tu che alla fine l’ha portata lassù? Mi chiedevo soltanto come avesse fatto ad arrivarci: la morsa della morte l’ha colta pochi istanti dopo esserci arrivata”.

Osho Crea il tuo destino

Nessun commento :

Posta un commento