domenica 17 dicembre 2017

Il mondo interiore e quello esterno - Osho

Risultati immagini per il mondo interiore e quello esterno

La nostra società è molto squilibrata, perché non ha tenuto conto del mondo interiore, la cui grandezza è uguale a quella del mondo esterno. C’è un vasto universo fuori di voi e ce n’è uno altrettanto vasto dentro di voi. Tu ti trovi esattamente in mezzo, tra due infiniti, due eternità… E trovandoti in mezzo a questi due paesi delle meraviglie, hai l’opportunità di goderteli entrambi. Io non sono contro il mondo esterno. Sono contro l’enfasi con cui si asserisce che c’è solo l’esterno, che il mondo interiore non esiste. Quello che hai dentro è di gran lunga più importante, perché è il tuo vero essere. Se non lo conosci, se non lo sperimenti, se non lo esplori sempre più profondamente, la tua vita resterà vuota, sarà solo un lunghissimo trascinarsi… sarà noia, depressione. Niente fiorirà dentro di te, non si sentiranno canzoni nel tuo essere, non sorgerà il sole, non ci saranno boccioli, né stelle. Ed era tutto possibile, solo che non ti sei mai mosso verso l’interno. Il sentiero verso l’interno porta al divino. Andare verso l’esterno ti porta agli oggetti, ma tu non sei un oggetto. Tu sei una profonda soggettività e questa soggettività deve essere esplorata. E questo è il mistero supremo.
Osho


giovedì 14 dicembre 2017

LA BEATITUDINE DIMORA IN NOI


«Sono felice di sapere che stai sperimentando beatitudine e appagamento.
La beatitudine dimora in noi, ma non riusciamo a vederla, non la riconosciamo perché la ricerchiamo all’esterno.
L’inizio del viaggio interiore è accompagnato da un continuo dischiudersi di nuove sorgenti di beatitudine.
Nel regno interiore non esistono sofferenza, dolore né morte. Una volta raggiunto questo stato d’immortalità, rinasci e ti liberi da tutti i legami che ti imprigionano.
Raggiungere questo stato di liberazione è la meta pura e semplice dell’esistenza: in questo stato l’io e l’altro spariscono e rimane soltanto l’essenza, priva di confini, indescrivibile, senza forma né immagine.
Prima esisteva l’essenza dell’io, adesso è presente l’essenza del Tutto.
Quando tutto questo è conseguito, si è realizzata ogni cosa; conoscendo tutto questo, si conosce ogni cosa.
Allorché ti trovi in questo stato dell’essere, violenza e odio, sofferenza e dolore, morte e oscurità scompaiono, e ciò che resta è sat chit anand: verità, consapevolezza, beatitudine.
Che tu possa conseguire verità, consapevolezza e beatitudine: questo è il mio augurio.»


#OSHO:"Love Letters to Life" #1
http://divinetools-raja.blogspot.it La Via del Ritorno... a Casa

domenica 10 dicembre 2017

FELICITÀ E INFELICITÀ - OSHO


“Dovete imparare a essere felici e dovete imparare a rispettare le persone felici e a prestare più attenzione alle persone felici, ricordatelo! Questo significa rendere un grande servizio all’umanità. Non dimostrare troppa simpatia alle persone infelici; se qualcuno è infelice, aiutalo, ma non simpatizzare con lui. Non dargli l’impressione che l’infelicità sia qualcosa di meritorio.”  OSHO




La via del Transurfer - https://faregruppo.blogspot.it