1 febbraio 2016

La meditazione Gourishankar

1 FEBBRAIO 2016





È la meditazione serale durante i campi di meditazione mensili.
Questa tecnica si compone di quattro stadi di quindici minuti ciascuno. I primi due stadi servono come preparazione per il Latihan spontaneo del terzo stadio. Bhagwan ha detto che se la respirazione viene eseguita nel modo giusto durante il primo stadio, l'ossido di carbonio che si forma nel sistema circolatorio vi porterà alle altezze del monte Everest: il Gourishankar.

Primo stadio:  15 minuti.
Siedi ad occhi chiusi. Inspira profondamente dal naso e riempi i polmoni. Trattieni il respiro il più a lungo possibile, e poi espira dalla bocca dolcemente e tieni ì polmoni vuoti quanto più a lungo ti è possibile. Continua questo ciclo di respirazione per tutto il primo stadio

Secondo stadio: 15 minuti.
Ritorna a una respirazione normale e con occhi sfocati guarda la fiamma di una candela o una luce intermittente blu. Tieni il corpo immobile.

Terzo stadio: 15 minuti.
Con gli occhi chiusi, alzati in piedi e lascia che il tuo corpo sia sciolto e ricettivo. Sentirai che un'energia sottile fa fluire il corpo fuori dal tuo normale controllo. Lascia che questo Latihan accada. Non essere tu a muoverti: lascia che il movimento accada, dolcemente e con grazia.

Quarto stadio:  15 minuti.
Sdraiati ad occhi chiusi e resta immobile, in silenzio.
I primi tre stadi devono essere accompagnati da un battito ritmico e regolare, meglio se unito a una soffice musica di sottofondo. Questo battito deve essere sette volte il normale battito cardiaco e, se possibile, sincronizzato con la luce stroboscopica.
               
 La meditazione è l'unica via per andare oltre se stessi, l'unica via per trascendere il proprio sé.

Osho Il libro arancione

Nessun commento :

Posta un commento