3 settembre 2015

OSHO Meditazione Nataraj


 La Nataraj è un modo nuovo, insolito ma molto
efficace e di grande attualità di avvicinarsi alla meditazione,
ed è forse il modo più semplice per tentare
un primo esperimento e un primo approccio con
qualcosa che già si conosce e che possiede una marcia
in più, di suo, purtroppo raramente utilizzata.

 Nataraj è danza intesa come meditazione globale:
lasciandosi andare al fluire del corpo, ballando con
totalità, ci si immerge infatti nel fluire dell'esistenza;
a quel punto è possibile sintonizzarsi con qualcosa
di cosmico, al di là dei confini conosciuti della propria
personalità: si tocca la propria essenza con una
 naturalezza che ha dello stupefacente.

 La tecnica si compone di tre stadi; ed esiste una
musica che li scandisce in modo armonico.

PRIMO STADIO (40 MINUTI)

 A occhi chiusi, danza come se fossi posseduto.
Lasciati guidare completamente dall'inconscio. Non
controllare i movimenti e non cercare di restare un
testimone di ciò che accade: lasciati dominare dalla
danza.

 "Dimentica colui che danza, il centro dell'io; diventa
la danza. Questa è meditazione. Danza così
intensamente da dimenticare che sei tu a danzare,
inizierai a sentire che tu sei la danza. Ogni divisione
deve scomparire, in questo modo danzare diventa
meditazione. Se esiste divisione, sarà una semplice
ginnastica: ottima, salutare, ma non si può dire che
sia spirituale. La danza in sé è ottima: entro i suoi limiti
è ottima. Dopo aver danzato ti sentirai fresco e
più giovane; ma non è ancora meditazione. Colui
che danza deve scomparire, finché resta solo la danza:
in questo caso è meditazione."

SECONDO STADIO (20 MINUTI)

 Con gli occhi sempre chiusi, sdraiati immediatamente
 al termine della musica. Resta immobile, in
assoluto silenzio. Le vibrazioni della danza e della
musica continueranno dentro di te. Lascia che pene
trino negli strati più sottili del tuo essere.

TERZO STADIO (5 MINUTI)

Danza e divertiti, in totale celebrazione.

 Osho

Nessun commento :

Posta un commento