13 agosto 2014

Sei ancora lì?




Obaku, un Maestro Zen, era solito chiedere, come
prima cosa ogni mattina: "Obaku, sei ancora lì?".
 I suoi discepoli commentavano: "Se qualche estraneo
ti sentisse, penserebbe che sei pazzo! Perché lo fai?".
 Lui rispondeva: "Perché di notte me ne dimentico
completamente... una mente silenziosa, senza sogni,
senza pensieri... Quando mi sveglio, devo ricordare
a me stesso, una volta ancora, che Obaku è ancora
presente. A chi posso chiederlo? Lo posso solo chiedere
a me stesso: 'Obaku, sei ancora presente?'".
E lui stesso si rispondeva: "Sissignore!".
Si deve avere un profondo rispetto per se stessi. Anziché
 ripetere i nomi di Rama o di Krishna, per te
può essere una disciplina preziosa interrogare semplicemente te stesso... chiama
 il tuo nome, e chiedi: "Sei ancora presente?". E non preoccuparti se qualcun
altro ti ascolta. E poi risponditi: "Sissignore!".
Sarà sufficiente questo semplice esercizio... ti stupirà
vedere l'immenso silenzio che ne consegue!
Quando chiedi: "Sei ancora presente?" e da solo ti
rispondi: "Sissignore!", subito segue un profondo silenzio.
 In questo modo ricordi anche il tuo essere, e prende
forma un rispetto, una gratitudine profonda, poiché
ti è stato donato un altro giorno, il sole è sorto
ancora una volta, perlomeno ancora per oggi potrai veder fiorire le rose.
 Nessuno se lo merita, eppure la vita continua a riversarsi
in te, in ogni essere umano, solo perché è abbondanza che straripa. 
Osho.
 

Nessun commento :

Posta un commento