mercoledì 22 maggio 2013

♥: OSHO: Strane conseguenze del cazzo


 Quando Friedrich Nietzsche ha dichiarato: “Dio è morto”,  Fuck è diventata la parola più importante della lingua inglese e…

Il problema è questo: se Dio è morto, si perde la parola più importante della vostra lingua e si avrà bisogno di un sostituto. Dio era un culmine, un estremo, e quando un estremo scompare dalla tua prospettiva mentale, diventa necessario ed è inevitabile cadere all’altro estremo.
Ebbene, questo è ciò che è successo, Milarepa: al posto di Dio, il termine “cazzo” è diventato la parola più importante nella vostra lingua. Anche se Friedrich Nietzsche ritornasse, sarebbe sorpreso e in un modo o nell’altro vorrà resuscitare il Dio morto, perché sembra davvero stupido… d’altra parte, è necessaria un’analisi dettagliata, si deve fare una ricerca…

Una delle parole più interessanti nel linguaggio odierno è la parola “cazzo”. È una parola magica: il semplice suono permette di descrivere dolore, piacere, odio e amore.
Nel linguaggio può appartenere a differenti categorie grammaticali. Può essere usato come verbo transitivo: “John e Mary cazzeggiano”, e intransitivo: “John e Mary sono stati cazziati”, come un sostantivo: “Mary è una ragazza del cazzo”; oppure come un aggettivo: “Mary è un cazzo bella”.
Come si può vedere, non vi sono molte espressioni con la versatilità di “cazzo”.
Oltre al significato sessuale, si hanno anche le seguenti valenze:

Ignoranza: Che cazzo ne so?
Difficoltà: Cazzo, sono stato fregato!
Frode: Quel cazzuto mi ha bidonato.
Aggressione: Fottiti cazzone!
Scontento: Cosa cazzo sta succedendo?
Difficoltà: Non riesco a capire un cazzo di questo lavoro.
Incompetenza: È un inetto del cazzo.
Sospetto: Cosa cazzo stai facendo?
Gioia: Cazzo, che bella giornata!
Richiesta: Vai fuori dal cazzo.
Ostilità: Ti schiaccio la tua testa di cazzo.
Benvenuto: Ciao, chi cazzo sei?
Apatia: Chi cazzo se ne frega?
Innovazione: Dobbiamo proprio comprare un cazzo di martello nuovo!
Sorpresa: Che cazzo ci fai, qui?
Ansietà: Non riesco a combinare un cazzo.

Ed è anche molto utile alla salute, se ogni mattina lo usi come meditazione trascendentale: appena alzato, come prima cosa, ripeti cinque volte il mantra “cazzo”… ti pulirà sicuramente la gola!

Okay, Vimal?


Tratto da: The Great Pilgrimage: from here to here, Discorso # 23
♥: OSHO: Strane conseguenze del cazzo

2 commenti :

  1. Oppure come consiglia Bandler quanto la mente ti tormenta un bel;
    ZITTA CAZZO

    RispondiElimina